Comune di Grimaldi » 'I Ditti 'E Za' Letizia

'I Ditti E Za' Letizia

'I DITTI 

             'E ZA' LETIZIA

Da "Il Grimaldello - 
La voce del Savuto"

 

- Chine tena castagne, tena rizzi.
- Supra lu ‘ngannaturu ‘u ‘ngannu cada
- Ogne ‘mpedimentu è giuvamentu.
- Dare ‘a lanterna ‘mmanu allu cecatu.
- Criscere ccu le mulliche.
- L’amure fa passare ‘u tempu, e lu tempu fa passare l’amure.
- ‘U jurnu va de monacu vestutu, ‘a sira va facennu lu surdatu.
- Amaru chine dopu ‘a fera ‘un tena chi vinnere.
- Ha de essere de crita la pignata mo fa la minestra sapurita.
- Quannu trona de supra piglia ‘e pecure e va le ‘ngrupa.
- Frevaru sparta gualu.
Da Il Grimaldello - La voce del Savuto - Novembre 2001
= E debite 'e Carnelevaru se paganu alla Quaraisima.
= Scegliere comu ' u granu alla buffetta.
= Ccu crivu e senza crivu ammassu e cernu.
= Quannu chiova e mina ventu 'u jire a caccia ca peri tempu.
= Quannu ' a campana sona a festa è signu ca la duminica è vicina.
= Amici poveri, amici perduti.
= A fine adorna l'opera.
Da Il Grimaldello - La voce del Savuto - Febbraio 2001

= Ccu l'annu novu tutte 'e galline fannu l'ovu.
= Ccu la luna de jennaru po cuntare lu dinaru.
= 'U cristianu viziusu prestu di sordi soi nun fa cchiù usu.
= Chine primu parta primu spunta.
= 'Mpresta pane a chine tena farina.
= Chine fravica a lu terrenu de l'atri, perda la cavuce e la rina.
= Pagame mastru ca lu furnu è fattu.
= Si nun 'mpichi nun spichi.
= Su ciciari si se cocianu!
= Nessuna carne resta alla chianca. 
  
Da Il Grimaldello - La voce del Savuto - Gennaio 2001

= 'U jiurnu va de monacu vestutu, 'a sira va facennu lu surdatu.
= Amaru chine dopu 'a fera 'un tena chi vinnare
= Megliu murire saziu ca campare diunu.
= Chine se scurpa se 'ncurpa.
= A furtuna muta comu 'a luna.
= Quannu 'a campana sona a festa è signu ca la duminica è vicina.
= Chine scava trova e chine dorma se sonna:
= Chine 'un se misura vena misuratu.
= 'Nu porcu e l'ortu risuscitanu 'nu mortu.
= Chine fila allu fusu linchia e divaca.
= Quannu senti 'a zampogna sunare e chistu è lu signu ca è vanutu Natale.
   
Da Il Grimaldello - La voce del Savuto - Dicembre 2000

= A novembre pruvvida ppe sempre.
= A sant'Andria, 'u bonu massani simminatu avia.
= Pinnuli de cucina e sciruppu de cantina.
= Amaru chine d'amici aspetta aiutu.
= Essere urtima rota du carru.
= 'Mmitare a pasta e carne.
= 'A gamma cuverna la ganga.
= Acqua vivennu e carduni mangiannu.
= 'U dinaru risparmiatu due vote è guadagnatu.
= Quannu te trasa lu monacu alia casa, a meglia cosa è la pigliare a rise.

     Da
Il Grimaldello - La voce del Savuto - Novembre 2000

= Ccu pane e vilanza 'u linchi a panza
= Casa fatta e vigna sfatta
= Chine cusa e scusa nun perda tempu
= Chiangi e allatti
= 'U santu se prega allu bisognu
= Amaru chine te caccia du focularu
= Ccu lu gallu o senza gallu fa jurnu 'u stessu
= Ura e tarda e lu caminu e lu caminu e longu
= Chie cva diruttu campa affriuttu
= Diu me guarda de vascia caduta
= Cciù pocu sai cchiù megliu è
= Unu tena e l'atru 'mprena
  
Da Il Grimaldello - La voce del Savuto - Ottobre 2000
 
=Chine fa bene ‘un porta meritu.
= Chiudere vacche e voi.
= Chine nescia affrittu mora scunsulatu.
=‘A vita è ‘nu tiraturu, oje ‘nculu a tie e dumane puru.

=
‘A gallina rimorusa fa l’ovu covatusu.0
= Dopu l’abbunnanza vena la carestia§
= L’interesse è du diavulu.
= Mintare ‘u crivu avanzi occhi
= O ‘ncollu o ‘mbrazza
=Ominu scarminusu resta ‘ncamatu.
= Patimentu ‘mparamentu.
=De tutti fidate, de tutti guardatre.
  
Da Il Grimaldello - La voce del Savuto - Luglio 2000 

=E' megliu friddu da sira e no cavudu 'e matina
= Mo chi ci avia cacciatu 'u viziu 'e manciare me mortu 'u ciucciu
= Nun c'è cchiu cecatu 'e chine 'u vò vidire, nun c'è cchiu surdi 'e chine 'u vò sentire
= Primu 'e ne pigliare caramelle e cicculate, dopu chi pigliati scaffi, puni e schiuppettate
= Quanu 'u bisognu bussa ara porta l'onestà se jietta da finestra
= Si vò gapare 'u chianchieri attacca crozze, ricchie e pedi; si vò essere gapatu  attacca pedi
   ricchie e capu 
= 'U pagliaru s'è vrusciatu ma u surici su fujiuti
= 'Un sa nè mortu chianciare e nè vivu cunsulare
= Vurria manciare e vivere ccu Rosa e fa n'amatu sonnu ccu Tiresa
= Va nene disse donna Lena quannu truvaru la gatta e la patruna prena
  
Da Il Grimaldello - La voce del Savuto - Giugno2000 

= ’A matria è cumu ’u pisce: dopu tri jurni feta
= ’A fimmina ch’è bella de natura cchiù scioccuilla va cchiù bella para.
= ’A fimmina spusata, oje è libera e dumane è ligata.
= ‘A Napuli fannu i strumbuli, a Cusenza ’e vannu a vinnere, cumu su fissa l'omini chi vannu
    appressu ’e fimmine.
= Allu povaru sartu li se torcia l’acu.
= ’A vita è ’nu tiraturu: oje ’ncu a tie e dumane puru.
= Amaru chillu agellu ca nascia a malu nidu.
= Alli mali cuvernati è cuverna Cristu
= Chine de vecchia se ’nnamura, dopu se chiancia la sua sventura.
= Chine tena la comodità e nun si nne serva nun c’è cunfessure chi l’assorba.
= Chista è la casa de Petru Panaru chine ccu ’nu jiritu e chine ccu ’na manu.
= Curnutu ccu ’nu cornu, curnutu ccu tutti i dui
= Centu paradisi ’un se ponnu godire.
= Duve ’u parente ’nu jire sempre, duve ’u vicinu ’nu jire de continu.
= ’E mazze du maritu su passue ‘e ficu, chille du ’nnammuratu su passue ’nzuccarate.
= E’ megliu crisciare porci e no figli, ca du porcu ti nne unti ’u mussu.
= Finu a chi avimu i denti alla vucca ’un sapimu chillu chi ne tocca.
= Jivi allu ’mpernu e dissi aiutu aiutu, tutti currivi ccu ligne siccate, ’e chine m’aspettava lu cchiù aiutu, chillu è venutu ’u cchiù carricatu.
= Ppe fricare ’nu monacu de Missa cci nne vonnu centu ccu la varva russa.

Comune di Grimaldi  Piazza Cap. Emilio Anselmo 1  87034 Grimaldi ( CS ) - Tel. 0984/964067 - 964761  Fax 0984/964848 - P. IVA 00405200783  C. F. 80004590784

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.324 secondi
Powered by Asmenet Calabria